Dedicato alla fantasia popolare: 'La pineta di Natale'

La leggenda riportata qui di seguito si riferisce al bosco che separa La Magdeleine da Chamois.

"Il bambino era fragile e biondo, con aria indifesa, tutto tremante nella corta camiciola che gli lasciava scoperte le ginocchia illividite dal gelo. Incapace di credere ai suoi occhi, la donna lo fissava sbigottita dallo spiraglio dell'uscio che aveva appena socchiuso al bussare sommesso. Non lo conosceva, non l'aveva mai visto nei villaggi vicini. E con quel freddo, vestito in quel modo...

Ed una fresca vocina, vibrante di tinnule note d'argento, disse al suo orecchio, eludendo le tante domande:

- Sono stanco. Mi tieni con te questa notte?

- E vuoi che ti lasci lì fuori, bambino, a gelare come una bestia senza padrone? Ma come sei giunto fin qui? Aspetta che prendiamo qualcosa...

Si rammaricò che il giubbone del marito fosse tanto logoro mentre vi avvolgeva il piccino con teneri gesti...

- Potessi accendere il fuoco! - esclamò la donna gettando un'occhiata al cestone vuoto presso il camino - Ma non è rimasto neppure un pezzo di legno e dobbiamo andare così lontano per procurarci un poco di fuoco. Mio marito aspettava cessasse questa bufera di neve per andare a fare legna, ma oggi si è deciso a partire, nonostante il tempaccio, perché - ha detto - è triste non avere almeno domani qualche ciocco che scoppietti... Domani è Natale, lo sai bambino?

Il padrone di casa rientrò, portando con sé nella stanza un'ondata di fresco profumo di neve e fissò sbalordito il disarmante sorriso che fioriva dalla ruvida stoffa della sua vecchia giubba.

- E tu chi sei? Non ti ho mai visto nei dintorni.

- Ora sono con voi.

- Ebbene moglie, stanotte è Natale: avremo un bambino anche noi! Domani poi ci sarà qualche cosa.

E la notte fu tiepida e dolce, accanto a quel piccino steso sulle foglie, come in un presepe. Ma, quando il primo albore penetrò dalla stretta finestra, il presepio era vuoto e ricordava il bambino solo più un lieve incavo, nel punto in cui era giaciuto. L'uomo e la donna corsero fuori. Nessuna orma davanti all'uscio: biancore intatto immacolato uguale.

Ma poco lontano da casa, sulla vasta distesa di neve, si stendeva una folta pineta, generosa di ombre e di rami per accendere il fuoco."

 
Unité des Communes Valdôtaines Mont-Cervin
Via Martiri della Libertà, 3
11024 Châtillon (AO)
Tel. +39 0166.569711
pec: protocollo@pec.cm-montecervino.vda.it